venerdì 11 maggio 2012

Mi presento

Io sono quella che rompe sempre i silenzi,talvolta anche con qualcosa di inopportuno.
Sono quella che brucia sempre il pranzo,o la cena,e che si racconta che la roba bruciacchiata è sempre più buona. E diciamoci la verità:se non ce la raccontassimo continuamente dove andremmo a finire?
Sono quella che,da bambina,quando mamma e papà la portavano a mangiare fuori,se vedeva qualche bambino o bambina seduto a un tavolo,andava sempre a prenderlo/a per mano inventandosi un gioco.
Sono quella che dice sempre sì,per paura che un no possa far male,per paura di far indietreggiare.
Sono quella che vorrebbe ma non può,quella che sa come fare per mettersi nella condizione di potere ma si blocca sempre prima di partire,chissà perchè poi.
Sono quella che rimanda. SEMPRE. Da quando ho memoria. Tipo,alle medie la mia professoressa di musica mi diceva che avevo orecchio,mi diceva 'scegliti uno strumento e mettiti a suonarlo seriamente,potresti diventare davvero brava',e io le credevo,a voglia se le credevo,solo che continuavo sempre a dire poi lo faccio,poi lo faccio,e ora sono qui e non so suonare nessuno strumento,tranne il tamburo della mia bambina,che si è anche rotto.
Io sono quella delle scelte sbagliate,quella che ha buttato nel cesso 8 anni della sua vita scegliendo un corso di studi molto affascinante,ma che di per sè non mi darà mai e poi mai il tanto agognato sbocco lavorativo. Ho fatto il liceo linguistico,sono sempre stata portata per le lingue,le imparo e le faccio mie con una semplicità estrema. Bene. Fai lingue,no? No,basta,dopo 5 anni di linguistico mi sono rotta le palle,meglio scegliere questa facoltà super affascinante. Fava. 
Sono quella che non ascoltava la mamma solo e unicamente per tigna,per il gusto di contraddirla,ma che poi in realtà è la persona da cui ha imparato di più,sia dai suoi errori (e che cazzo,niente di irreparabile dopo tutto. Credo fermamente che molti dei traumi di tutti noi potrebbero non esistere proprio,se solo ci insegnassero,fin da piccoli,a non prendere ogni cosa così stramaledettamente sul serio.) che dai suoi consigli.
Sono quella che regala. Tutto. Tranne a chi me li chiede. E che adora più di ogni altra cosa vedere gli occhi che sbocciano di fronte a un regalo gradito. E quanto,quanto mi pesa non avere uno stipendio per continuare a farne.
Sono quella che ama alla follia la musica alta in macchina,e che ama cantare insieme agli amici. Mille volte siamo rimasti in macchina facendo giri lunghi o fingendo di non trovare parcheggio perchè la canzone non era ancora finita.
Sono quella che si è quasi sempre lasciata scegliere. Dagli uomini,dai vestiti,dalle scarpe,dai tagli di capelli. I vestiti poi sono una tragedia. Non ne parliamo proprio,dei vestiti.no.
Sono quella che,se si appassiona a una serie,si rifiuta di guardare le ultime puntate,perchè "se non le guardo non esistono,e allora non è vero che è finita".
Sono quella che detesta gli addii. E che non li supera mai.
Sono quella che non ha la minima cura degli oggetti : io distruggo tutto. Che sia un telefono,una macchina fotografica,una sciarpa o un libro,io non so cosa voglia dire averne cura. Temo non mi sia mai stato insegnato. In compenso ho una cura estrema,quasi maniacale,per i rapporti umani,sono un'ottima amica se voglio,e lo dico senza presunzione.
Sono quella che si affeziona anche alle cose che detesta. Anche a una casa umida,se è quella che ha visto arrivare la sua bambina dall'ospedale,appena nata,che ha visto nascere la sua piccola famiglia.
Sono quella disordinata,mentalmente prima di tutto. Non ho la concezione del mettere a posto una cosa una volta finito di usarla,piuttosto ho la concezione del lasciala lì,prima o poi tornerà a posto da sè,oppure lo faccio dopo (e qui si torna a qualche riga fa).
Io sono quella del tutto o niente. é la mia filosofia (involontaria,lo giuro,non sono così masochista),per ogni cosa. Dall'alimentazione,alle amicizie,al coltivare una passione,al fare la qualunque. E questa è la mia caratteristica più disadattiva.
Però funziono,io. Oh si. E anche discretamente. E questo non è tutto,assolutamente no,ma il mio vomito di parole per oggi si chiude così. Amen. Buon weekend a voi :)

5 commenti:

  1. Beh io invece mi sono laureata in lingue, e sono comunque disoccupata e senza speranza, quindi...;-)

    RispondiElimina
  2. mamma mia come hai fatto a desscriverti cosi bene e cosi dettagliatamente? Io non so se ci riuscirei... Nn mi ricordo che laurea hai preso..io devo ancora prenderla quindi non so se i miei sacrifici e le mie menate serviranno a qualcosa..ma spero di si senno sarà stato tutto tempo perso! E non sai quanto ne ho perso negli ultimi mesi..prova a leggere il mio ultimo post............ A presto! :)

    RispondiElimina
  3. beh insomma, sembri proprio una bella persona eh! :D

    RispondiElimina
  4. non sembri tanto male. anzi.

    RispondiElimina